Roaming WiFi

Connettersi al WiFi ovunque e senza problemi

Gli utenti mobili accorrono a frotte verso il WiFi non appena possono, precipitandosi su una rete WiFi aperta come se fosse un'oasi nel deserto. Ma in genere l'operazione non è molto semplice: devono individuare e scegliere la rete giusta, collegarsi attraverso un portale e spesso devono reimmettere più volte le proprie credenziali. Così, mentre i servizi WiFi pubblici stanno crescendo rapidamente, per gli utenti sono ancora una spina nel fianco. Il che significa che gli operatori che li implementano non stanno avendo quell'utilizzo e quel valore che diversamente potrebbero ottenere.

Non sarebbe bello se il WiFi potesse funzionare come il roaming dei cellulari? Se gli utenti accendessero semplicemente il proprio dispositivo e si trovassero subito online? Con lo standard di roaming wireless 802.11u e Hotspot 2.0, ora possono farlo.

Mantenere i clienti connessi

Hotspot 2.0 rende il WiFi pubblico semplice e lineare quanto il roaming dei cellulari, per gli abbonati. Così come il loro telefono cerca automaticamente una rete partner di roaming e si collega in modo sicuro ovunque si trovino, gli utenti possono avere la stessa esperienza sul WiFi.

Che siate un operatore mobile, un fornitore di cavi o chiunque altro offra WiFi pubblico, potete stringere una partnership di roaming con altri provider per rendere la connettività WiFi semplice per i vostri clienti, a livello non solo nazionale ma mondiale. Questo significa maggiori opportunità di fatturato, più modi di rimanere connessi con i clienti e abbonati più soddisfatti.

Le connessioni sicure sono diventate semplici

Con Hotspot 2.0, gli operatori e i loro abbonati caricano i dispositivi con le credenziali giuste e i certificati di sicurezza, prima o in tempo reale, quando gli utenti sono vicini a una rete partecipante. Poi, ogni volta che gli utenti sono lontani dal provider della loro rete domestica, i loro dispositivi cercano automaticamente reti che supportano Hotspot 2.0 fra i partner di roaming partecipanti. Se ne trovano una, vi vengono collegati automaticamente senza dover fare nulla.

I provider WiFi dispongono di una serie di opzioni per collegare i dispositivi degli abbonati: certificati digitali, nomi utente e password, credenziali basate su SIM o non basate su SIM. Possono usare la Public Key Infrastructure (PKI) per autenticare e crittografare le connessioni. E possono controllare attentamente la policy su quando, dove e come gli abbonati si avvalgono del servizio.